Skip to content
nov 16 / bandblog_admin

RETRO’VIA “VENNERO GLI ANNI ZERO”

Vennero gli anni zero è il primo album dei RetròVia, un trio di rock alternativo proveniente dal Piemonte, più precisamente da Beinasco (TO), dove i ragazzi fanno i calciatori o i musicisti (volendo parafrasare il loro stesso modo di presentarsi).

Uscito in pieno regime di autoproduzione, Vennero gli anni zero è un disco che nei suoni e negli approcci vocali mi ricorda molto band come Negrita, Verdena e Afterhours, tanto per citarne solo alcuni di “famosi” da cui cogliere un’influenza, e da cui poter porre le basi per poter sviluppare un rock di stampo cantautorale cosparso di qualche spruzzata pop che, almeno in termini di orecchiabilità, non guasta mai.

Dichiarano di voler far riflettere, di voler stupire, di creare calore umano e di generare una sorta di corrente emotiva: tutte cose molto nobili, per carità, ma che sono da considerare magari in un secondo momento, quando i tempi saranno maturi per poter lasciare del proprio passaggio un messaggio più significativo. Per ora ci sono un buon disco d’esordio che tra alti e bassi (alcune incespicature vocali e ritmiche vengno ben riassetate dalla bontà degli arrangiamenti) si lascia ascoltare senza troppo impegno, e una band, i Retròvia, che dalla sua parte ha tempo e potenzialità per poter raggiungere con merito la realizzazione dei propri propositi.

Bisogna aver pazienza, quindi, come per il vino buono. Altrimenti il rischio che gli anni zero diventino un’annata di poco conto si alza.

E questa è una cosa che si spera non accada mai, sia che si faccia i viticoltori, i musicisti, o i calciatori.

A Presto!

BeppeTesta

Share
Leave a Comment